«Da San Lorenzo impariamo la compassione e l’impegno»

Una raccolta alimentare per i poveri serviti giornalmente dalla Caritas; una lotteria per raccogliere fondi in favore della comunità di Aleppo. Sono i due gesti concreti che quest’anno caratterizzano le celebrazioni laurenziane nell’Anno Santo della Misericordia. La «Raccolta di san Lorenzo» in generi alimentari per i più poveri del territorio è ormai al suo III anno. Nata nel 2014 in via quasi sperimentale per dare un senso quanto più concreto all’immagine del diacono Lorenzo che mostra i poveri come i «tesori» della Chiesa, è diventata un appuntamento che anno dopo anno si va rafforzando. Tanto che «L’intenzione è farla diventare un appuntamento rituale», spiega il direttore di Caritas, don Enzo Capitani. Intanto è stato stabilito che la «Raccolta» si terrà sempre il sabato che precede le feste laurenziane.

Quest’anno il 6 agosto. E se lo scorso anno fu possibile coinvolgere solo alcuni supermercati cittadini, Caritas sta lavorando perché l’iniziativa di solidarietà si tenga in tutti. Per farlo, oltre alla disponibilità delle catene, c’è bisogno di volontari. Tanti. «Non meno di 160 persone», sottolinea don Enzo, che già da un paio di mesi ha inviato una lettera ai parroci (di cui abbiamo dato notizia anche sul nostro settimanale) perché sensibilizzino i laici a rendersi disponibili per questo servizio nella giornata del 6 agosto. Ognuno può mettere a disposizione il tempo che ha: l’intera giornata, solo mezza, alcune ore. A ciascun volontario sarà data una pettorina in modo tale che sia ben riconoscibile da chi quel giorno si recherà a fare la spesa. La «Raccolta» avviene in modo molto semplice: all’ingresso dei supermercati viene consegnato un foglietto in cui si spiega la finalità del gesto e si elencano i prodotti da donare. Chi vuole, mentre fa la spesa per la famiglia, può comprare prodotti che all’uscita consegnerà ad altri volontari, che provvederanno ad inscatolare.

Ci saranno, infine, altri volontari che con i mezzi gireranno tra i supermercati a ritirare e stoccare gli scatoloni. Si tratta di un gesto importante perché è in continuo aumento il numero di persone che si rivolgono alla mensa Caritas o all’Emporio della solidarietà e i prodotti non bastano mai.

Chi volesse rendersi disponibile come volontario può riferirsi al vice direttore di Caritas, Luca Grandi: 0564 28344; caritas@caritasgrosseto.org

Per sostenere, la raccolta fondi in favore della comunità cristiana di Aleppo sarà lanciata una grande lotteria diocesana: l’intero ricavato sarà donato ai frati francescani della Custodia di Terra Santa che curano la parrocchia latina di Aleppo. I premi in palio sono in via di definizione, ma si può già anticipare che il primo sarà un viaggio in Terra Santa. Ulteriori dettagli nei prossimi numeri del nostro giornale. La lotteria andrà avanti fino a tutto il mese di settembre: l’estrazione dei biglietti vincenti avrà luogo il 4 ottobre alle 12 nel palazzo vescovile.

Facebooktwittergoogle_plus