Don Enzo:«Più che mai c’è bisogno di“Raccolta” e di un occhio alle famiglie dei detenuti»

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Ormai da alcuni anni la festa di san Lorenzo ha assunto una connotazione particolare grazie all’iniziativa de «La Raccolta di San Lorenzo» in generi alimentari a lunga conservazione, che vengono donati a Caritas.

Un gesto nato per valorizzare la dimensione caritativa della testimonianza del patrono e per coinvolgere un numero il più possibile ampio di persone nella corresponsabilità verso i bisogni dei poveri della città. Quest’anno l’iniziativa – che si terrà per l’intera giornata di sabato 8 agosto (i dettagli nel servizio di spalla) – è ancor più segno, perché cade in un tempo particolare come quello del post emergenza covid, che ha fatto venire a galla bisogni nuovi e crescenti, paure, fragilità, diffuso senso di insicurezza verso il futuro in tante famiglie e persone.

La Caritas diocesana e i centri di ascolto parrocchiali hanno lavorato molto in tal senso, come abbiamo raccontato in questi mesi su queste pagine. «Sì – commenta don Enzo Capitani, che di Caritas diocesana è il direttore – quest’anno la Raccolta è ancor più un segno, anche perchè le feste laurenziane risentono di questo clima, per cui saranno ridotte nei gesti e manifestazioni esterne, che tradizionalmente ne segnavano la ricchezza, ma ci rimettono davanti all’essenziale, perché i poveri, in questo contesto, sono numericamente aumentati.

Questa pandemia – continua don Capitani – ci ha costretti ad una riflessione dal punto di vista della scienza medica, ma anche dell’antropologia. Siamo persone limitate, abbiamo bisogno gli uni degli altri, per cui le fragilità sono venute a galla. Come una marea: si innalzano sempre più col passare del tempo. Io credo che oltre alla fame e sete materiale in questo tempo ci sono tante fami e seti diverse.

Una su tutte, prorompente, è la fame e sete di giustizia. Ripeto spesso che se c’è la povertà in qualche angolo del mondo è perché c’è un’ingiustizia latente, che poi esplode tutta insieme. Dovremmo imprare a mettere l’accento su questo aspetto, per impegnarci continuamente a lottare per la legalità e per la giustizia».

Il pensiero di don Enzo quest’anno va soprattutto a chi si trova in carcere, lui che è anche cappellano della casa circondariale di Grosseto. «Dedico a loro questo san Lorenzo – dice – e, insieme con loro, ad un modo cui raramente ci riferiamo: dietro a ogni detenuto, chiuso in un ambiente ristretto – giustamente perché deve scontare la sua pena – ci sono, infatti, i familiari. C’è un dolore grosso nelle famiglie di queste persone, perché c’è la vergogna da superare… c’è l’impatto con la realtà del carcere… C’è, insomma, una realtà di dolore, che spesso è affrontato nella solitudine, perché in pochi pensano a queste famiglie.

Per questo, se dovessi idenitificare in questo periodo i poveri nuovi, che poi nuovi non sono, li identificherei nelle famiglie dei detenuti. Affidiamo, allora, a san Lorenzo – lui che ha provato sulla propria pelle cosa significhi combattere l’ingiustizia del potere e che ha conosciuto in prima persona cosa signfica essere carcerato – i detenuti, le loro famiglie, soprattutto i figli, che si provano a proteggere con bugie pietose, che nascondono una profonda realtà di sofferenza».

Leggi anche...

Articoli

Giornata del Migrante 2020

Come Caritas vorrei che in questo momento particolare della nostra società ci fosse ancora un faro puntato sulla situazione dei migranti e dei rifugiati». È