Raccolta San Lorenzo 2020 : «Aiutateci ad aiutare»

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Sabato 8 agosto saranno quattro i supermercati della città dove i volontari Caritas (riconoscibili dalla pettorina verde) accoglieranno i clienti che vorranno donare alimenti a lunga conservazione. Saranno le tre Conad di via Senegal, via Clodia e del centro commerciale Aurelia Antica e il Todis di via Repubblica Dominicana i punti vendita dove, andando a fare la spesa, si potrà contribuire alla «Raccolta» per l’intera giornata.

«È indubbiamente un’edizione ridotta – spiega Luca Grandi, vice direttore di Caritas e coordinatore della macchina organizzativa – perché non tutti i supermercati hanno la possibilità di ospitare una raccolta per l’intera giornata a motivo delle disposizioni anti covid, ma abbiamo comunque voluto lasciare questo segno, con meno volontari e più attenzioni, ma rimanendo nello stile della festa di san Lorenzo: l’attenzione ai poveri».

Poveri che, in questi mesi, sono notevolmente aumentati. «Caritas – conferma Grandi – è stata messa a dura prova in questo periodo. Abbiamo letteralmente dato fondo ai magazzini e alle nostre risorse per sostenere le molte famiglie in difficoltà, sia nel periodo del lockdown che adesso. Mi piace sottolineare due dati: il grande lavoro dei volontari dell’unità di strada, che ogni giorno consegnano pasti in piazza Barsanti e in altri punti della città. Dall’inizio dell’emergenza si parla di oltre 6mila pasti consegnati. E poi il grande lavoro della Bottega della solidarietà, che in tre mesi ha consegnato oltre 2100 spese a domicilio su tutto il territorio diocesano. Sono dati che ci danno la portata della situazione attuale.

Caritas – va avanti Luca – è stata molto sostenuta anche da privati nelle settimane del lockdown, ma proprio adesso abbiamo più bisogno. Per questo mi appello ai grossetani e ai turisti: partecipate alla “Raccolta” e aiutateci ad aiutare, Ancora adesso la Bottega sostiene oltre 200 famiglie: si tratta di numeri importantissimi, visto che nell’ordinarietà i numeri si fermavano a 75/80 famiglie».

Che cosa donare? Cibi a lunga conservazione (pasta, riso, biscotti, pelati, latte, zucchero, farina) ma anche prodotti per l’infanzia. All’ingresso dei supermercati aderenti i volontari consegneranno un piccolo volantino (scritto anche in inglese) invitando la gente ad aderire.

Leggi anche...