Raccolta San Lorenzo 2020 : «Aiutateci ad aiutare»

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Sabato 8 agosto saranno quattro i supermercati della città dove i volontari Caritas (riconoscibili dalla pettorina verde) accoglieranno i clienti che vorranno donare alimenti a lunga conservazione. Saranno le tre Conad di via Senegal, via Clodia e del centro commerciale Aurelia Antica e il Todis di via Repubblica Dominicana i punti vendita dove, andando a fare la spesa, si potrà contribuire alla «Raccolta» per l’intera giornata.

«È indubbiamente un’edizione ridotta – spiega Luca Grandi, vice direttore di Caritas e coordinatore della macchina organizzativa – perché non tutti i supermercati hanno la possibilità di ospitare una raccolta per l’intera giornata a motivo delle disposizioni anti covid, ma abbiamo comunque voluto lasciare questo segno, con meno volontari e più attenzioni, ma rimanendo nello stile della festa di san Lorenzo: l’attenzione ai poveri».

Poveri che, in questi mesi, sono notevolmente aumentati. «Caritas – conferma Grandi – è stata messa a dura prova in questo periodo. Abbiamo letteralmente dato fondo ai magazzini e alle nostre risorse per sostenere le molte famiglie in difficoltà, sia nel periodo del lockdown che adesso. Mi piace sottolineare due dati: il grande lavoro dei volontari dell’unità di strada, che ogni giorno consegnano pasti in piazza Barsanti e in altri punti della città. Dall’inizio dell’emergenza si parla di oltre 6mila pasti consegnati. E poi il grande lavoro della Bottega della solidarietà, che in tre mesi ha consegnato oltre 2100 spese a domicilio su tutto il territorio diocesano. Sono dati che ci danno la portata della situazione attuale.

Caritas – va avanti Luca – è stata molto sostenuta anche da privati nelle settimane del lockdown, ma proprio adesso abbiamo più bisogno. Per questo mi appello ai grossetani e ai turisti: partecipate alla “Raccolta” e aiutateci ad aiutare, Ancora adesso la Bottega sostiene oltre 200 famiglie: si tratta di numeri importantissimi, visto che nell’ordinarietà i numeri si fermavano a 75/80 famiglie».

Che cosa donare? Cibi a lunga conservazione (pasta, riso, biscotti, pelati, latte, zucchero, farina) ma anche prodotti per l’infanzia. All’ingresso dei supermercati aderenti i volontari consegneranno un piccolo volantino (scritto anche in inglese) invitando la gente ad aderire.

Leggi anche...

Articoli

Giornata del Migrante 2020

Come Caritas vorrei che in questo momento particolare della nostra società ci fosse ancora un faro puntato sulla situazione dei migranti e dei rifugiati». È